Cases Reports
Highlighted Cases
Media Alert

Violations in China
Murder and Execution
Torture
Violence Leading to Disabilities
Violence against Women
Psychiatric Torture
Enslavement
Persecution of Families
Violence against Persons with Disabilies
Right to Education
Violence against Foreign Citizens

Cases
Death
Torture
Psychiatric Torture
Religious Intolerance
Freedom of Expression
Arbitrary Detention
Violence Against Children
Violence Against Families
Violence Against Women
Human Rights Defender
Right to Health
Right to Education
Independent Judges and Lawyers
Disappearance

China Reports
Labor Camps
Cases By Province

Refugees
Deprived CitizenShip
Internally Displaced ( IDP )

Publications
Falun Gong Reports
United Nations Reports
Human Rights Reports

Resources
Falun Info. Center
Justice for Falun Gong
Friends of Falun Gong
WOIPFG
United Nations
Home
Tortura Psichiatrica in Cina  
Print  E-mail 

Tortura Psichiatrica in Cina

Abbondanza di Rapporti

Nel dicembre 2008, la Commissione ONU Contro la Tortura ha redatto un rapporto sulla situazione complessiva dei diritti umani in Cina, il suo primo rapporto in 8 anni. Nel suo rapporto, "il Comitato nota anche con preoccupazione che si è abusato di questa disposizione per detenere delle persone in ospedali psichiatrici per motivi diversi da quelli medici." [1]

Dopo la visita di due settimane in Cina dell'Ispettore Speciale dell'ONU Manfred Nowak alla fine del 2005, le Nazioni Unite pubblicarono un rapporto sulla missione in Cina. Il rapporto afferma che nell'8% dei casi sottoposti all'Ispettore Speciale nei cinque anni dal 2000 al 2006 erano casi di torture inflitte in ospedali psichiatrici cinesi. [2]

Una ricerca indica che casi di "trattamenti" psichiatrici si sono diffusi da 23 a 33 province sotto la guida diretta del governo centrale cinese. Almeno 100 strutture psichiatriche sono state usate nel tentativo di cancellare la fede dei praticanti del Falun Gong. Chiaramente, l'uso di droghe psicotrope su coloro che hanno opinioni differenti da quelle del governo è stata una politica decisa dall'alto, pianificata accuratamente e attuata sistematicamente.

Daniel B. Borenstein, Presidente dell'Associazione Psichiatrica Americana, ha pubblicato una lettera sul New York Times del 27 marzo 2001, intitolata "Jailed in China: Confront the Abuse." ["Imprigionati in Cina: Faccia a faccia con gli Abusi"] Nell'articolo afferma, "Il Comitato per l'Uso e l'Abuso della Psichiatria dell'APM [Associazione Psichiatrica Mondiale] si è mosso troppo lentamente di fronte alle gravi accuse di detenzione psichiatrica di membri del Falun Gong, leader sindacali e studenteschi, e altri che sono stati diagnosticati come 'maniaci politici' e sottoposti a elettroshock e a trattamenti con droghe psicotrope." [3]

Robin Munro ha dedicato un intero capitolo del suo libro Dangerous Minds: Political Psychiatry in China Today and its Origins in the Mao Era [Menti pericolose: Psichiatria Politica in Cina Oggi e le Sue Origini nell'Era di Mao] agli abusi psichiatrici contro praticanti del Falun Gong. In "The Falun Gong: New Targets of Psychiatric Abuse"[4] [Il Falun Gong: Nuovo Bersaglio dell'Abuso Psichiatrico] descrive gli abusi subiti dalla 42enne Tian Guihua nell'Ospeale Psichiatrico Jiaozhou nella provincia di Shandong. Otto pazienti dell'ospedale la tenevano ferma, mentre un medico le iniettava droghe dannose per il sistema nervoso. "Poi una dottoressa ha chiesto a Tian ogni giorno se aveva intenzione di praticare ancora il Falun Gong. Tian diceva 'sì' e il medico la colpiva con aghi elettrici."[5]

L'Utilizzo Politico delle Droghe negli Ospedali Psichiatrici

L'Ospedale Psichiatrico Xuzhou della province id Jiangsu è un esempio tipico. I resoconti degli abusi hanno iniziato a trapelare poco dopo il 20 luglio 1999, quando la persecuzione è iniziata. Nel dicembre 2000, questi praticanti del Falun Gong, completamente sani, sono stati mandati all'Ospedale Psichiatrico Xuzhou: Gao Chuanyin, Gao Xiayun, Lu Bingling, Niu Shuxia, Wang Jinghua, Meng Qinquan, Wang Hui e Wang Ping. Nel marzo 2001, sono stati mandati nello stesso luogo anche i praticanti Wu Di, Peng Zhongmei, Ding Jianhua, Yuan Ling, Guo Juanling, Bian Guiling, Wang Yumei, Dong Mei, Gao Chunmei e Ma Jiling.

I praticanti hanno riferito di aver perso conoscenza, di essere stati legati con corde, di aver subito l'elettroshock e la privazione del sonno. A causa dei trattamenti subiti hanno perso la lucidità mentale e hanno avuto tremori, hanno perso la vista o l'udito, i loro muscoli e organi interni hanno subito gravi danni, hanno perso la memoria, sono diventati disabili psichici o mentali e in qualche caso sono persino morti. Uno di loro ha chiesto ad un medico, "Perché iniettate o fate ingoiare queste droghe a noi che non siamo malati? Hanno risposto, "Non dipende da noi; sono arrivati ordini dall'alto. Non vorremmo trattarvi in questo modo, ma non vogliamo nemmeno perdere il nostro lavoro."

Pratica Prolungata della Tortura Psichiatrica

Dal momento che lo scopo del trattamento psichiatrico non è il benessere del "paziente", esso può avere luogo in ospedali psichiatrici, campi di lavoro forzato e in qualsiasi struttura detentiva. I casi seguenti ci ricordano ciò che accade all'ombra dell'economia in espansione della Cina.

  1. Sig. Zhao Peijie , un uomo di 32 anni del Villaggio di Xiaonigou, nella località Datong, città di Rongcheng, provincia di Shandong, è stato picchiato, torturato e obbligato ad assumere droghe che hanno distrutto il suo sistema nervoso centrale. Di conseguenza è diventato un malato mentale. è morto il 28 giugno 2008.

  2. Nell'aprile del 2006, ufficiali del Dipartimento di Polizia della città di Chibi, provincia di Hubei, hanno arrestato la Signora Liu Xiaolian, 69 anni, e l'hanno rinchiusa nel reparto psichiatrico dell'Ospedale Pufang. Nell'ospedale, la Signora Lui è stata picchiata brutalmente, ha subito l'iniezione di droghe, l'hanno costretta ad assumere sostanze mentalmente disabilitanti e l'hanno colpita con bastoni elettrici ad alto voltaggio. Le sono state iniettate droghe per 24 ore consecutive. Ha perso conoscenza per due giorni consecutivi e il suo corpo era scuro e gonfio. Dopo che si è svegliata, ha perso temporaneamente la capacità di parlare. E' morta nel pomeriggio del 26 ottobre 2008.

  3. La Signora Li Dongqing, 46 anni, viveva nella città di Shenyang, provincia di Liaoning. Il 24 ottobre 2008, è stata arrestata e rinchiusa nell'Ospedale Psichiatrico del Distretto di Dongling a Shenyang. Le sono state iniettate droghe che le hanno causato gravi danni psicologici.

  4. La Signora Han Ming era impiegata della Industria Meccanica Pingshui della contea di Pingba, provincia di Guizhou. Il 28 febbraio 2001, è stata condannata a due anni di lavori forzati. Durante la detenzione nel Campo di Lavori Forzati Femminile della provincia di Guizhou, ha subito l'iniezione di droghe sconosciute, che hanno causato l'atrofia dei muscoli del suo intero corpo. Le sue condizioni si sono poi aggravate ed è morta il 20 marzo 2003 all'età di 30 anni.

  5. La Signora Zhang Wuying e suo marito, il Signor Wu Dianhui erano di Changzhou, provincia di Jiangsu. Nel febbraio 2000, l'Ufficio della Pubblica Sicurezza di Changzhou ha arrestato il signor Wu. Anche se il Signor Wu e sua moglie non avevano problemi mentali, dopo il suo rilascio dal centro di detenzione, sono stati richiusi nell'Ospedale Psichiatrico 102 dell'Esercito a Changzhou. La Signora Zhang è stata legata ad un letto, le hanno iniettato delle droghe e l'hanno alimentata forzatamente, nonostante fosse al quinto mese di gravidanza.

Per coprire i loro crimini, i persecutori generalmente incolpano le vittime. Un esempio è quello della Signora Meng Lijun, morta dopo aver subito l'iniezione di droghe nocive e aver mangiato cibo e bevuto acqua che contenevano sostanze dannose. La sua famiglia ha chiesto alla polizia perché usavano tali droghe su una persona sana. Hanno risposto, "Aveva un problema mentale perché praticava il Falun Gong e aveva contratto la sua malattia mentale prima di essere incarcerata."

La Signora Meng è un caso di migliaia.

  1. http://www2.ohchr.org/english/bodies/cat/docs/CAT.C.CHN.CO.4.pdf
  2. http://www.unhcr.org/refworld/publisher,UNCHR,MISSION,CHN,,0.html
  3. http://www.nytimes.com/2001/03/27/opinion/l-jailed-in-china-confront-the-abuse-574694.html
  4. Robin Munro on Falun Gong (Vedere pagina 158)
  5. Idem. Pagina 163

Contatto (USA): 619-280-3112

Per cancellarsi da questa newsletter, clicca qui


     
    ©2003-2007 Falun Gong Human Rights Working Group, All Rights Reserved